© Comunità Parrocchiale di Pioppe-Salvaro-Sibano-Malfolle (BO)
CATECHESI 05 Nov 2016
COMUNITA’ PARROCCHIALE DI  PIOPPE-SALVARO-SIBANO-MALFOLLE Home Vita Parrocchiale Catechesi Orari&eventi Feste Viaggi Sacerdote Editoria Contatti Links
Commento dei bambini Risorgiamo nell’amore solo quando siamo insieme agli altri, da soli moriamo come un albero che da solo muore, insieme nell’amore siamo come un bosco che vive in eterno. Dal secondo libro dei Maccabèi (7, 1-2.9-14) Dalla seconda lettera di san Paolo apostolo ai Tessalonicèsi (2,15-3, 5) Dal Vangelo di Luca (20, 27-38) Gli si avvicinarono poi alcuni sadducei, i quali negano che vi sia la risurrezione, e gli posero questa domanda:  "Maestro, Mosè ci ha prescritto: Se a qualcuno muore un fratello che ha moglie, ma senza figli, suo fratello si prenda la vedova e dia una discendenza al proprio fratello. C'erano dunque sette fratelli: il primo, dopo aver preso moglie, morì senza figli. Allora la prese il secondo e poi il terzo e così tutti e sette; e morirono tutti senza lasciare figli. Da ultimo anche la donna morì. Questa donna dunque, nella risurrezione, di chi sarà moglie? Poiché tutti e sette l'hanno avuta in moglie". Gesù rispose: "I figli di questo mondo prendono moglie e prendono marito; ma quelli che sono giudicati degni dell'altro mondo e della risurrezione dai morti, non prendono moglie né marito; e nemmeno possono più morire, perché sono uguali agli angeli e, essendo figli della risurrezione, sono figli di Dio. Che poi i morti risorgono, lo ha indicato anche Mosè a proposito del roveto, quando chiama il Signore: Dio di Abramo, Dio di Isacco e Dio di Giacobbe. Dio non è Dio dei morti, ma dei vivi; perché tutti vivono per lui".
next previous Torna alla pagina della Catechesi
..... Abbiamo la gioia solamente  se condividiamo quello che possediamo, anche le cose più difficili da condividere come il papà, la mamma, il marito, la moglie; la nostra vita diventa più vera nella misura in cui la condividiamo. Grazie di questo cartellone. Don Arrigo